La Natura

Scanno, un cuore abbracciato dai monti

Passeggiate nel verde, avvistamenti di animali, trekking, gite a cavallo o in bicicletta. I paesaggi di Scanno si rivelano in tutta la loro ricchezza agli appassionati di sport e natura.

Le montagne

 

Da corona al barocco paese di Scanno fanno le superbe montagne del Parco Nazionale d’Abruzzo e della Riserva del Monte Genzana, delle quali è possibile sviscerarne i segreti percorrendo i sentieri.

Tutti i sentieri sono tracciati e divisi per difficoltà (L’elenco completo con relativa mappa e indicazioni è consultabile sul sito del comune di Scanno).

Per gli amanti della natura e del relax, due tragitti per tutti, che esplorano la natura.

Una salita di 600 metri in Seggiovia che dal paese porta a Collerondo (1600) alla sua Chiesetta degli Alpini e ai suoi facili percorsi

Il secondo una gita in macchina verso Passo Godi attraverso il Parco Nazionale D’Abruzzo. 

In entrambe le stazioni sono previste di punti ristoro e servizi igienici.

Il Lago

 

Il lago di Scanno, di origine naturale, si è formato in

seguito alla frana del monte Rava che ha sbarrato il

fiume Tasso, allagando la piana sottostante. Ha una superficie di circa un chilometro quadrato e una                                                                       profondità di circa 32 metri. Il suo colore verde-azzurro è dovuto                                                                        dalla composizione chimica delle acque (essenzialmente                                                                                legata a quella calcarea delle rocce costituenti l'invaso) e                                                                                 dal riflesso della vegetazione circostante.

                                                                       Per gli abitanti di Scanno esso è simbolo di protezione tant’è                                                                       che sono nate diverse leggende per spiegare la sua                                                                                       formazione. La più famosa è quella di

                                                            Madama Angiolina. La leggenda narra,

                                                    di una maga buona, che, arroccata dentro una                                              torre, difendeva Scanno dal terribile stregone Bailardo. Dalle loro infinite

battaglie sarebbe sorto il lago.

Il lago è un’oasi di relax naturale.  

Lungo le sue rive si possono trovare diversi bar e aree attrezzate per

noleggiare biciclette, pedalò e barche a remi, o più semplicemente per

rilassarsi su una sdraio.

A ridosso del Lago, sul versante sinistro, ben indicato dalla segnaletica, si snoda il ‘Il sentiero del cuore’, un percorso affascinante e accessibile a tutti che porta all’Eremo di S. Egidio e al più bel punto panoramico sul Lago di Scanno da dove è possibile ammirarlo nella sua bellissima forma a cuore.